Mimmo Gangemi

Mimmo Gangemi

Mimmo Gangemi è nato a Santa Cristina d’Aspromonte nel 1950 e vive a Palmi, in provincia di Reggio Calabria, dove svolge la professione di ingegnere. Tra i suoi romanzi si ricordano “Il giudice meschino” (2009, Premio Selezione Bancarella 2010) e “La signora di Ellis Island” (2011), editi da Einaudi, “Il patto del giudice” (2013) e “La verità del giudice meschino” (2015) da Garzanti e “Un acre odore di aglio” (2015) da Bompiani.

La resa dei paesi fantasma

È tutto silenzio. Le campane non chiamano più alla messa né alla benedizione della sera. Persino l’orologio della torre ha deciso di tacere i rintocchi tintinnanti dei quarti e i colpi possenti e cupi delle ore. Le strade sono tristi fotogrammi in bianco e nero, le case del borgo nulla esalano dai comignoli, i vicoli verdeggiano di muschio, per i passi che vi mancano, erbe sono cresciute scomposte tra il lastricato di calcestruzzo e lo spiccato dei muri. Il paese com’era riesce ad affacciarsi solo stagliandosi sullo schermo dei ricordi e insinuando, tra le carezze del vento, sussurri che svelano la presenza di anime inquiete, intestardite a non staccarsi dal cielo che ebbero addosso da vivi.

Storie d’Italia, patrimonio d’Italia

«Terra ingrata. Non ci cresce la gramigna. Il Padreterno l’ha mandata di corpo, quella pietraia» sprezzava mio nonno, che tutto rapportava alle rigogliose campagne dell’Aspromonte tirrenico. | di Mimmo Gangemi per la rubrica "Rivisitare l’Italia nei suoi 150 anni".

Acquista la rivista

Abbonati alla rivista

Su iPad e Kindle